Barcellona in un weekend

Diritti d’autore

“Volete sapere dove ho trovato la mia ispirazione? In un albero; l'albero sostiene i grossi rami, questi i rami più piccoli e i rametti sostengono le foglie. E ogni singola parte cresce armoniosa, magnifica.” [Gaudì]

€10,00

Quando ho voglia di staccare dalla monotonia del lavoro o dal grigiore della Pianura Padana mi rifugio un weekend a Barcellona. Generalmente acquisto sempre uno degli ultimi biglietti serali del venerdì, sia perché costano meno, sia perché mi permettono di avere due giorni completi (il sabato e la domenica) per godermi la città.

Per maggiori dettagli sul viaggio scaricate il programma completo BCN_In un weekend | BCN_Weekend in Barcelona

Itinerario di viaggio 

Principali opere da vedere: Sagrada Familia, Casa Batllò, Casa Milà, Palau Guell
La movida: Barceloneta
Sapori tipici: Mercado la Boqueria, Paella, Crema Catalana
Shopping: Artigianato locale
Tempo stimato: 2 giorni a disposizione
Prezzo stimato: 300 EUR/persona
Mezzi di trasporto: Metropolitana, Taxi

Giorno 1  – Arrivo a Barcellona

L’aeroporto di Barcellona è perfettamente collegato con il centro della città e sono presenti anche linee notturne di autobus. Vi consiglio di acquistare il biglietto Andata-Ritorno dell’AeroBus che viaggia fino alle 00.30 circa di notte. Il biglietto vale anche per il ritorno nel caso in cui lo si utilizzi entro 10 giorni. Lo spostamento dall’aeroporto El Prat al centro città dura circa 20-30 minuti e il capolinea è in Plaza Catalunya. Da qui, con circa 10 minuti di camminata, potete raggiungere a piedi la Rambla o il quartiere Eixample/Gracia: la distanza rispetto all’hotel che vi consiglio è di circa 7 minuti a piedi.

Giorno 2  – Barcellona storica

Questa giornata è dedicata alla scoperta sia del centro storico di Barcellona, composto da mille viette in penombra e alcune delle opere architettoniche che preferisco della Spagna, che della Barceloneta, imperdibile lungo mare, sempre affollatissimo!

Iniziamo la giornata con la visita alla splendida Catedral de la Santa Creu i Santa Eulàlia, sede dell’archidiocesi di Barcellona situata nel Barri Gòtic e Monumento Storico – Artistico spagnolo dal 2 novembre 1929.

IMG-20170423-WA0002

Catedral de la Santa Creu i Santa Eulàlia

Spostandovi sulla sinistra della piazza della Cattedrale potete trovare lo splendido Mercado de Santa Caterina con il tetto coloratissimo. Questo è l’ultimo mercato costruito a Barcellona e rinnovato nel 2005 grazie agli architetti Enric Miralles e Benedetta Tagliabue di EMBT.

Mercado de Santa Caterina

Mercado de Santa Caterina

Poco distante da questo Mercato troverete l’Arc de Triomf in stile mudejar, alto 30 metri. Adoro questo Arco perché si inserisce in una via pedonale che porta al vicino Parc de la Ciutadella e, a differenza dei classici archi di trionfo che celebrano le vittorie militari, questo Arco è stato costruito come porta di accesso al sito dell’Esposizione Universale del 1888 e celebra il progresso artistico, scientifico ed economico. Non potete perderlo!

DSCN1757-iloveimg-cropped

Arc de Triomf

In ogni città cerco sempre di ritagliarmi del tempo per scoprire nuovi negozi dove fare shopping e Barcellona sicuramente si presta molto a questo. La seconda volta che sono stata in questa città ho scoperto uno splendido negozio di artigianato locale It Reminds Me of Something. Il target di questo negozio è sicuramente elevato, ma potrete trovare dei particolari oggetti per la casa (e non solo) fatti totalmente a mano da artisti locali.

Dopo tutto questo girovagare vi sarà venuta fame! Non c’è posto migliore se non mangiare nel più grande mercato di Barcellona sulla Rambla: il Mercado de la Boqueria, tra i più antichi mercati di Catalunya con più di 300 bancarelle. Sicuramente questo mercato è uno dei più affollati di Barcellona, ma vi assicuro che sprizza di vitalità, colori, profumi e sapori. In questo mercato potrete assaggiare le tipiche tapas di verdura, carne o pesce o provare la piccantezza della trippa barcellonese!

Ma dopo tante prelibatezze non vi lascerò senza il dessert per cui faccio ritorno quasi ogni anno a Barcellona: la Crema Catalana. Se non vi ho ancora convinti, provate la Crema Catalana della Pastisseria Escribà e vi assicuro che ve ne innamorerete.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Percorrendo la Rambla, tra uno skateboard e un ristorante, arriverete allo splendido Palau Güell, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO ad opera dell’architetto più famoso di Barcelona: Antoni Gaudí. Sono molti i turisti che non si godono appieno questo Palazzo, preferendo le opere più note di Gaudì: io vi consiglio la visita anche solo per godere dei comignoli colorati sul tetto, sono favolosi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Proseguendo con la visita delle opere più famose della collezione Gaudì a Barcellona, non potevo fare a meno di proporvi Casa Milà, detta La Pedrera, costruita tra il 1905 e il 1912. Anche quest’opera è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1984. L’elemento che preferisco di questa casa è, come per Palau Güell, il tetto caratterizzato da un paesaggio montagnoso con i camini creati tramite delle sculture quasi surreali, tipico segno distintivo dell’architetto in questa casa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La giornata non poteva concludersi senza la visita della Barceloneta, luogo di ritrovo dei giovani (e non solo) barcellonesi. Adoro sedermi sulla spiaggia con un buon Mojito in mano e spiare le persone che si rilassano su questo litorale dopo una giornata di lavoro. Non vivete la Barceloneta come una parte staccata di Barcellona, come succede nella vicina Valencia. Questa spiaggia è uno dei cuori pulsanti della città e, insieme al Porto, consente agli artisti di esprimere tutto il loro potenziale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per concludere la giornata, vi consiglio una scappatina al Ristorante 7 Portes: il piatto che preferisco è la paella. Adoro questo piatto e evito di mangiarlo in Italia proprio per non perdere lo splendido ricordo delle paelle mangiate a Barcellona e a Valencia.

Giorno 3  – Solo Gaudì

Purtroppo 2 giorni passano in fretta, ma non potete fare ritorno a casa senza aver visto le due opere più famose di Gaudì: la Sagrada Familia e Casa Batllò.

La Sagrada Familia è un’opera immensa ed è uno dei principali simboli della città, nonché il monumento più visitato in Spagna. Sicuramente la Sagrada Familia attira moltissimi turisti e vi consiglio la prenotazione anticipata nel sito.

Dopo un pranzo veloce all’Arrosseria Gaudì non può mancare la visita dell’incredibile Casa Batlló, una delle opere più originali di Gaudì e Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 2005. Le immagini di questa casa parlano da sole!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se questo breve itinerario vi ha convinti, che aspettate?! Fate le valige e partite! Vi ho dimostrato che anche solo in un weekend può essere sufficiente per visitare le più importanti opere e zone di Barcellona: basta solo sapersi organizzare e l’itinerario di viaggio che vi ho proposto potrebbe esservi di aiuto.

 

Annunci

Navigazione articoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: