Cuba

Diritti d’autore

La siesta cubana

€5,00

Con Cuba ci troviamo di fronte a un Paese tutto unito nel ricordo della grande e potentissima Rivoluzione Cubana. Rivoluzione che ha liberato il Paese, ma che ora lo rende schiavo del consumismo occidentale che rende, troppo spesso, Cuba una semplice meta per chi insegue la moda dei resort di lusso e non bada a povertà che tenga, compresa a quella dei milioni di cubani seduti sui gradini di una casa ancora in costruzione. Quelle case, circondate di calcinacci, spesso senza infissi o con parti di abitazione ancora in rifacimento, stanno accompagnando la vita di intere generazioni che vivono nel ricordo di un Paese probabilmente più forte di quello che ci si presenta ora.

Conosco molte persone che sono state a Cuba un decennio fa e tutte mi hanno raccontato di un Paese molto diverso da quello che hanno visto i miei occhi e da quello che hanno sentito le mie orecchie dalle voci delle mujeres che mi hanno ospitata.

Cuba è un Paese con una forza immensa, con un potenziale a molti ancora sconosciuto. Cuba incanta per la follia intrinseca delle vie nominate per lettera rigorosamente scritte su una pietra, per l’inquinamento soffocante delle Chevrolet anni ’50, per il caos irrefrenabile delle persone che attraversano le autopiste, per la coda lunga intere Avenide, consumata sotto il sole cocente, per acquistare una Sim Internet, per il pan caliente della Boulevard di Santa Clara, per gli acquazzoni improvvisi sulla Loma del Capiro.

A Cuba il tempo sembra essersi fermato: immaginate di fare ritorno all’Italia anni ’50 e di scordarvi, per l’intera permanenza in questo Paese, delle ricchezze consumistiche che da quegli anni si sono susseguite nel nostro Paese. I cubani di oggi vivono ancora con un solo televisore avente una manciata di canali nazionali, con il rancio da ritirare ogni mese, con quella fornitura di sigari passati dallo Stato che rivendono ai turisti per pagare le cure ai propri figli. A Cuba oggi regna la totale assenza di diffusione di Internet e questo fa apparire il Paese come sconnesso dall’intero occidente o dalla più vicina America.

Molti di voi troveranno tutto questo un’assurdità, ma io lo considero come una delle bellezze più assolute di Cuba, che impedisce, seppur forzatamente, a questo Paese di adeguarsi al resto del mondo.

 

 

Annunci

  2 comments for “Cuba

  1. Marco
    20 marzo 2018 alle 23:23

    Complimenti, sembra di essere lì…

    Piace a 1 persona

    • 19 giugno 2018 alle 16:42

      Grazie mille Marco, spero che continuerai a seguirmi nei miei viaggi e a leggere i miei articoli!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: